A caccia di muoni

Sono sempre stato affascinato dai progetti di grid computing e di citizen science. Non ho mai sperimentato SETI@home perché la ricerca di forme di vita extraterrestri non rientra nei miei interessi ma, in una fase piuttosto nerd della mia vita, avevo configurato un server per Folding@home, il progetto sullo studio delle proteine dell’Università di Stanford.
Qualche giorno fa ho ricevuto il mio primo numero di Asimmetrie, la rivista dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, numero interamente dedicato ai muoni. La rivista, splendidamente realizzata, viene recapitata gratuitamente a tutti coloro che ne fanno richiesta e, pur affrontando tematiche legate alla fisica delle particelle, risulta sufficientemente divulgativa da garantire una piacevole lettura.
Nell’ultima pagina ho trovato il riferimento ad un progetto veramente interessante promosso dal Wisconsin IceCube Particle Astrophysics Center della Wisconsin University denominato DECO (Distributed Electronic Cosmic-ray Observatory).

DECO
In breve si tratta di sfruttare il sensore della fotocamera di un dispositivo mobile per rilevare i muoni derivanti dai raggi cosmici.
Al di là di un interesse amatoriale per la fisica delle particelle, l’entusiasmo è scattato perché i raggi cosmici seguono un processo di branching e quindi rientrano nel mio ambito di studio.
È bastato requisire un vecchio cellulare Android di mia moglie ormai in disuso e istallare l’app del progetto per trasformare la mia soffitta il mio studio1 in un rilevatore di muoni.
Se qualcuno fosse interessato a vedere come me la sto cavando, il link al tracciato CSV è questo: https://deco-web.wipac.wisc.edu/?sensor_id=DECO-ffffffff-fc4b-30b0-4480-0c3100000000&output=csv.

EDIT 10/01/2018: Visti gli scarsi risultati ho pensato di destinare il dispositivo ad altro uso ovvero il testing di applicazioni sviluppate con Thunkable… maggiori dettagli in seguito.


  1. Sembra che, sebbene la soffita sia ad un solo piano di distanza, non sia raggiunta dal wi-fi di casa pertanto l’app non è in grado di trasmettere i dati al server. In attesa di portare la connessione tramite una power line, ho spostato il rilevatore nella libreria dello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.