A caccia di muoni

Sono sempre stato affascinato dai progetti di grid computing e di citizen science. Non ho mai sperimentato SETI@home perché la ricerca di forme di vita extraterrestri non rientra nei miei interessi ma, in una fase piuttosto nerd della mia vita, avevo configurato un server per Folding@home, il progetto sullo studio delle proteine dell’Università di Stanford.
Qualche giorno fa ho ricevuto il mio primo numero di Asimmetrie, la rivista dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, numero interamente dedicato ai muoni. La rivista, splendidamente realizzata, viene recapitata gratuitamente a tutti coloro che ne fanno richiesta e, pur affrontando tematiche legate alla fisica delle particelle, risulta sufficientemente divulgativa da garantire una piacevole lettura.
Nell’ultima pagina ho trovato il riferimento ad un progetto veramente interessante promosso dal Wisconsin IceCube Particle Astrophysics Center della Wisconsin University denominato DECO (Distributed Electronic Cosmic-ray Observatory).

DECO
In breve si tratta di sfruttare il sensore della fotocamera di un dispositivo mobile per rilevare i muoni derivanti dai raggi cosmici.
Al di là di un interesse amatoriale per la fisica delle particelle, l’entusiasmo è scattato perché i raggi cosmici seguono un processo di branching e quindi rientrano nel mio ambito di studio.
È bastato requisire un vecchio cellulare Android di mia moglie ormai in disuso e istallare l’app del progetto per trasformare la mia soffitta il mio studio1 in un rilevatore di muoni.
Se qualcuno fosse interessato a vedere come me la sto cavando, il link al tracciato CSV è questo: https://deco-web.wipac.wisc.edu/?sensor_id=DECO-ffffffff-fc4b-30b0-4480-0c3100000000&output=csv.


  1. Sembra che, sebbene la soffita sia ad un solo piano di distanza, non sia raggiunta dal wi-fi di casa pertanto l’app non è in grado di trasmettere i dati al server. In attesa di portare la connessione tramite una power line, ho spostato il rilevatore nella libreria dello studio.

A che punto siamo?

E’ passato molto tempo dall’ultima volta che ho scritto su questo blog ma non sono stato inoperoso. Certo il progetto procede un po’ a rilento ma durante l’estate sono state fatte molte correzioni alla base dati e, ad oggi, dovrei essere in grado di integrare i dati con quelli provenienti da un’altra base dati online, operazione che dovrebbe colmare alcune lacune nelle genealogie studiate. Proprio in questi giorni sto valutando l’impatto di questa operazione di integrazione.

Qualche mese fa, il professore mi ha chiesto di dare una mano ad un suo tesista in fisica statistica che sta lavorando sulla cladistica tra famiglie. L’idea era quella di integrare gli alberi genealogici dei capostipiti dell’alta nobiltà con rami sterili e su questi dati condurre varie analisi di tipo statistico. La base dati del progetto Hochadelsdorf poteva quindi costituire un ottimo punto di partenza ma necessitava di alcune elaborazioni. Ho fatto quindi quello che forse avrei dovuto fare fin dall’inizio: trasformare la base dati in una base dati relazionale. Attualmente infatti il database di Hochadelsdorf è una enorme tabella in cui molti dati sono ridondanti. Ho quindi estratto la tabella dei soggetti univoci assegnando ad essi un codice numerico ed ho sostituito, nella tabella delle occorrenze, i nomi con i codici. Poi a ciascun soggetto ho assegnato il codice del padre e quello della madre. In questo modo ho facilitato il lavoro del tesista fornendogli i dati in un formato sicuramente più maneggevole. Magari in un prossimo post entrerò nel dettaglio delle istruzioni SQL adoperate per la trasformazione.

Religioni

Citazione di Elkann

Secondo me, la religione ebraica è un treno che viaggia da più di cinquemila anni.
Duemila anni fa su quel treno sono saliti anche i cristiani e ora si continua il viaggio insieme.
Più tardi sono saliti i musulmani e viaggiano anche essi sullo stesso treno.
Ogni religione ha la sua verità, ma tutte si assomigliano perché predicano l’affermazione del bene sul male.

Alain Elkann

La foto è stata scattata nel mio nuovo “ufficio”.

Villa Maria

Oggi per l’ultima volta trascorrerò la mia pausa pranzo in questo piccolo parco cittadino perché da lunedì l’azienda per cui lavoro cambierà sede, spostandosi più in centro dove il verde scarseggia. Sono dispiaciuto perché non solo la quasi totalità dei post di questo blog ma anche molti degli avanzamenti nella mia ricerca hanno visto la luce su queste panchine e tra questi alberi. Il parco è tranquillo, ottimamente coperto dalla rete wi-fi del Comune (gratuita), riparato in inverno e fresco in estate: il posto ideale per lavorare. Posso quasi individuare come mio ufficio personale una precisa panchina, a metà del viale principale, scelta per la vicinanza all’access point wi-fi e la posizione non troppo isolata ma neanche troppo trafficata.

Non mi rimane che individuare una possibile alternativa nella nuova zona, magari una biblioteca pubblica, con caratteristiche simili oppure, munito di bicicletta, accorciare la pausa e raggiungere la panchina che ha fedelmente fatto funzione di ufficio, studio e laboratorio in questi ultimi anni.

Leggere su un ebook reader

Da quando ho iniziato a percorrere in autobus il tragitto casa lavoro ho ripreso a leggere. Narrativa intendo, qualcosa che non siano saggi, articoli, tutorial. Il mio vecchio Kindle, quello con la tastiera querty, è tornato a nuova vita e si presta ottimamente a portare in giro un certo numero di libri tra cui quello correntemente in lettura. Certo non sarà affascinante come la storica edizione Einaudi di “Marcovaldo” di Calvino che sfoggia con noncuranza il viaggiatore seduto di fronte a me ma è sicuramente molto pratico.

Non ho mai amato le diatribe tra carta ed e-ink anche perché reputo l’ebook reader uno dei pochi oggetti tecnologici utili: fa una cosa sola e la fa bene. Certo, la carta è la carta ed un libro non è solo contenuto ma anche oggetto (ah i tempi in cui sprofondavo in “Seuils” di Gérard Genette fattomi scoprire dal prof. Madrignani) e rigirarsi tra le mani una preziosa prima edizione o semplicemente un volume ben fatto è una esperienza quasi mistica ma per leggere un romanzo e perdersi nella narrazione non vedo perché non usare un ebook reader.

L’unica differenza in termini di fruizione che ho notato, ma è un fatto personale, è la maggior propensione, con l’ebook reader, ad abbandonare la lettura di un libro. Se con la carta mi era successo solo un paio di volte, con vittime illustri come “I tre moschettieri” di Dumas e “Moby Dick” di Melville (ma in questo caso l’interruzione fu causata dagli impegni legati alle nozze e al relativo viaggio), con il Kindle mi trovo ad iniziare ed abbandonare un libro con molta più facilità. Non credo sia solo una questione di costo del libro e neanche di desiderio di saggiare una storia prima di portarla in fondo. Non saprei individuare una causa. Fatto sta che, in questa fase di lettura in mobilità, più di un testo è stato abbandonato per strada, compreso l’immarcescibile “Walden” di Thoreau che ho trovato (colpa forse di una pessima traduzione) indigeribile.

E’ pur vero che Daniel Pennac colloca il diritto di non finire un libro tra i 10 diritti del lettore ma, per come sono stato formato ed abituato, un libro va sempre letto tutto, con annessi e connessi (copertina, prefazioni e tutto quanto è paratexte, per dirla con Genette) e abbandonare la lettura mi fa sempre un certo strano effetto.

Adesso sto leggendo un romanzo recente, non impegnativo, la cui trama riesce a prendermi abbastanza e che mi fa riscoprire, dopo anni, la lettura come svago: “Il genio e il golem” di Helene Wecker. Speriamo che l’autobus trovi traffico…

Assemblea dei “carnetiers” di Hypotheses

Questa mattina, dalle 9.00 alle 12.30, si è tenuta presso l’auditorium Marie Curie del CNRS a Parigi l’assemblea annuale dei carnetiers (i bloggers) di Hypotheses di cui faccio parte. Ovviamente partecipare di persona sarebbe stato impossibile ma fortunatamente l’evento era disponibile anche in streaming con possibilità di intervenire via chat. Ho cercato di seguire la discussione anche se in modo un po’ discontinuo causa impegni di lavoro e scontrandomi con i limiti linguistici. Pur non parlando francese, infatti, sfruttando la tecnica delle “isole di comprensione”1 e conoscendo il contesto, riesco a capire il concetto generale del discorso.

Sono emerse questioni interessanti, dalle richieste di plugin specifici da rilasciare sulla piattaforma all’attenzione alle problematiche legate alla sicurezza ma soprattutto si è respirato il clima di una grande comunità di ricercatori, con numeri sempre in aumento, con una dimensione europea di ampio respiro (Italia, Germania, Spagna, …) e con lo sforzo comune di realizzare la più grande piattaforma di blogging accademico interamente open.

Anche se a distanza, anche senza il contatto verbale o la pausa caffé condivisa con i colleghi, mi sono sentito orgoglioso di far parte di questa comunità, di aver visto i volti di chi quotidianamente si impegna affinché queste poche e spesso bislacche righe che scrivo sul blog possano essere con facilità condivise con altri e di aver potuto dire loro il mio merci! per questo impegno.


  1.  Tecnica mediante la quale, individuando in un testo scritto o in un discorso orale alcune parole conosciute o derivanti da altre lingue conosciute, si cerca di ricostruire e comprendere il senso generale. Non so se questa tecnica esista veramente o si chiami proprio così ma in genere funziona, almeno per le lingue latine.

La Mela ACERba

Credo che le mie preferenze in termini di Sistemi Operativi siano piuttosto chiare: uso Windows per studio e per lavoro. Questo non significa che disprezzi o rifiuti gli altri sistemi. Ho usato Linux dal 2003, quando ancora esisteva la distribuzione Mandrake e buona parte della mia carriera da studente universitario di Informatica Umanistica (e in particolare la tesina di “Metodi della Fisica per le Scienze Umane”) ha avuto come strumento di lavoro un vecchissimo portatile con Debian. Certamente non sono quello che amo definire un “linuxaro folle” ma ho una certa passione per il pinguino. Non ho, invece, mai usato MacOSx ma solo perché l’hardware su cui gira costa decisamente troppo (almeno per le mie finanze), anche usato.

Recentemente ho recuperato in azienda un vecchio portatile Acer Extensa 5230 (Processore Celeron 2GHz, 3GB di RAM, 160GB HD) ed ho deciso di dedicarlo ad una istallazione Linux. Avrei voluto tentare l’istallazione di un Hackintosh ma l’età nerd in cui si passa la notte a cercar di far funzionare driver su improbabili sistemi operativi l’ho passata da tempo. Ho quindi istallato un più tranquillo Linux Ubuntu. Però ero sempre tentato dalla mela (fa parte della natura umana forse). Allora ho trovato questo tutorial seguendo i passaggi del quale ho trasformato il mio portatile in Macbuntu: cuore Linux e faccia MacOSx. Poi, perché l’illusione fosse maggiore, ho applicato una mela morsicata bianca sul tappo del laptop: non si illumina perché è ACERba ma fa ugualmente molto cool.

Il Dipartimento dall’alto

In occasione del Capodanno Pisano, il 25 marzo, è stato possibile visitare le mura della città, un camminamento lungo, attualmente, oltre 3 kilometri. Salendo dalla Torre Piezometrica presso la ex Marzotto mi sono trovato immediatamente sopra il Dipartimento di Fisica (e quello di Informatica al piano superiore) e non ho resistito a fotografarlo da questa inconsueta angolazione. Ecco la foto:

LaTeX, finalmente!

Ho finalmente colmato una lacuna: confesso che fino a pochi giorni fa non avevo mai usato LaTeX. Pur avendo presentato una tesina universitaria sull’ideatore di TeX, Donald Knuth, da cui LaTeX deriva, non mi ero mai cimentato nella redazione di documenti. Eppure si tratta di un linguaggio di markup e neanche dei più complicati.

Data la mia proverbiale incostanza, ho deciso di affrontare la cosa in modo strutturato, seguendo un corso su Udemy, una delle ormai numerose piattaforme MOOC. Certamente avrei potuto trovare tutorial simili (se non gli stessi) anche su Youtube ma ho preferito avere lo sprone delle lezioni in sequenza e il traguardo di un, sia pure inutile, attestato di completamento. Per di più, il corso in questione è anche a pagamento, cosa rara per le piattaforme MOOC (a parte Udemy, appunto). Per questi motivi ma anche per la durata breve del corso, sono arrivato al termine imparando almeno le basi di Latex.

La breve durata è stata sicuramente il fattore determinante del successo. In passato mi ero dedicato a corsi online sulla piattaforma Coursera, corsi gratuiti ma decisamente lunghi che prevedevano delle prove intermedie da superare e una sorta di esame finale. Tutte le volte, pur arrivando al termine con successo, completare il corso era stata una fatica.

Adesso, preso dall’entusiasmo per questa nuova piattaforma, ho già in programma un altro corso più specifico rispetto alla mia attività di ricerca con l’obiettivo di imparare a creare simulazioni con il metodo Monte Carlo usando il linguaggio di programmazione R.

Quanto a Latex, se non trovo un’occasione per redigere almeno un documento serio nel prossimo periodo, il rischio di dimenticare quanto appreso si preannuncia decisamente alto.

Nel catalogo di Hypotheses

Qualche giorno fa (i miei post sono sempre un po’ in ritardo) i gestori di Hypotheses, la piattaforma che ospita questo blog, mi hanno comunicato che “Genealogy Cruncher” è stato inserito nel catalogo dei Carnets de recherche di OpenEdition.

Certamente il mio blog non darà una spinta significativa in avanti alla ricerca né brilla per originalità di contributi ma questo evento rappresenta, almeno per me, il riconoscimento dello sforzo, condotto con onestà intellettuale, di tenere traccia di un anomalo percorso accademico aderendo alle intenzioni del progetto OpenEdition.

Adesso, quindi, “Genealogy Cruncher” dispone di una sua scheda all’indirizzo http://www.openedition.org/17450 e diviene ricercabile all’interno di OpenEdition.

Uno stimolo in più a produrre contenuti utili con maggior frequenza.

Arrampicandosi sull’albero genealogico

La fine del 2016 è stata un momento decisamente intenso: l’arrivo della piccola prima e il trasloco nella nuova abitazione poi, hanno messo me e mia moglie a dura (ma piacevole) prova. Il trasloco in particolare è stato frenetico e gli scatoloni continuano a dominare il panorama domestico. Nel riordinare alcuni oggetti fragili, diligentemente imballati, a (vana) difesa dalla maldestrìa dei traslocatori, in carta di giornale, mi è capitato tra le mani un articolo del quotidiano locale, a data 18 luglio 2016, dall’occhieggiante titolo “Così ci arrampichiamo sull’albero genealogico”. Sin dalle prime righe appariva evidente il tenore da articolo estivo, tipico di quando i giornali hanno meno contenuti e incaricano qualcuno dei cronisti (in questo caso la giornalista Ileana Reali) di scrivere un pezzo su un argomento di costume, ma sono comunque arrivato in fondo alla lettura. L’articolo spiegava in breve come tentare di ricostruire il proprio albero genealogico con i consueti mezzi: i parenti, internet, gli archivi.
In sostanza un onesto articolo sulla genealogia familiare. Quello che mi ha invece interessato e fatto riflettere è stata la figura a corredo dell’articolo, un disegno realizzato da una maestra, Roberta Bancale, che raffigura sulla sinistra un albero spoglio a cui una bambina appende tre cartellini, “babbo”, “mamma”, “io” e, sulla destra, lo stesso albero con foglie e fiori. Mi ha ricordato il modo di procedere nella realizzazione della base dati di Hochadelsdorf: i rami ci sono tutti e sono i codici Sosa presenti nella base dati (dovrò decidermi prima o poi a scrivere qualcosa sul sistema Sosa-Stradonitz); quello che, in parte, manca sono le foglie e i fiori ovvero i soggetti giusti al posto giusto. L’opera (apparentemente infinita) di completamento che sto portando avanti assomiglia alla bambina che appende i cartellini in attesa che l’albero fiorisca. In questo momento anche la mia ricerca sta affrontando un lungo e freddo inverno ma confido in una rigogliosa primavera, che porti finalmente qualche fiore al progetto, e in una estate ricca dei tanto attesi frutti.
Concludo con una citazione della storica francese Christiane Klapisch Zuber, riportata in testa al citato articolo.

“L’albero durante i secoli ha rappresentato quel grande corpo che è un lignaggio, una discendenza. Come l’albero, una famiglia nasce, si sviluppa, si ramifica, si secca. Le rappresentazioni della parentela hanno utilizzato fin da tempi molto antichi questa metafora che si è poi fissata in una immagine: l’albero genealogico”.

Un mese con Azure

Come già anticipato nel post precedente, ho spostato (o meglio copiato) la base dati del progetto su Azure ed ho cominciato ad usare i servizi cloud di Microsoft. Al termine del primo mese di utilizzo posso fare un primo bilancio di costi, qualità e usabilità della piattaforma.

Sono sempre stato un po’ scettico su Azure sia a causa di una prima non positiva esperienza quando il servizio era ancora agli esordi e quindi non esattamente intuitivo nell’utilizzo, sia per la paura di una tariffazione oscura ed incontrollabile.

A distanza di qualche anno da questa prima esperienza, Azure ha raggiunto una completezza e chiarezza di servizio, supportata da una interfaccia utente intuitiva e potente, tale che l’utilizzo risulta agevole fin dai primi approcci.

Le diffidenze verso la tariffazione sono state vinte grazie alla sottoscrizione DreamSpark ottenuta tramite l’email (da studente) dell’Università che consente l’utilizzo gratuito di diversi servizi. In realtà, con la sottoscrizione DreamSpark si fa ben poco, soprattutto a livello di database, ma è servita come chiave di ingresso nel mondo di Azure. Appena mi sono reso conto che il servizio poteva essermi utile, ho cercato di espandere le possibilità di utilizzo e mi sono ricordato che come sviluppatore Microsoft, tramite il programma Dev Essentials, potevo avere diritto, per un anno, ad un credito mensile pari a 25 euro. Restava da verificare cosa fosse possibile fare con 25 euro/mese.

azure_novembre

Il grafico, estratto dalla dashboard del mio account Azure, mostra il consumo di credito nel primo mese ed appare evidente che non ho esaurito il credito malgrado l’uso intensivo e gli errori di configurazione dati dall’inesperienza.

Come prima cosa ho creato un database SQLServer analogo a quello locale del progetto. Ho scelto una configurazione con un numero di DTU (che sono le unità di elaborazione dei database Azure) non troppo basso perché dovevo trasferire qualche milione di righe solo per creare la base dati e la sottoscrizione DreamSpark, con solo 5 DTU, era andata immediatamente in saturazione. Ho scelto la soluzione da 10 DTU che si è rivelata sufficiente alle operazioni necessarie al trasferimento dei dati ma anche all’elaborazione delle interrogazioni. Azure inoltre, in base all’utilizzo del database, suggerisce ed applica ottimizzazioni alle tabelle e alle query.

Ho usato il database per alcuni giorni notando che il consumo di credito era abbastanza irrisorio e che l’utile proiezione del grafico preannunciava che avrei terminato il mese con oltre metà del credito disponibile.

Ho deciso di creare quindi anche una macchina virtuale da usare collegato in Remote Desktop per accedere al database da dispositivi privi di software specifico. Le macchine virtuali generiche Windows 10 sono riservate ai sottoscrittori MSDN ma è sempre possibile creare una macchina con Visual Studio. Il sistema operativo, in questi casi, è una versione server di Windows, in particolare Windows Server 2012 R2. Qui ho commesso un errore: nel creare la macchina virtuale, il sistema suggerisce due configurazioni abbastanza carrozzate in termini di RAM e processore ma con tariffe alte. Confidando in un utilizzo saltuario, ho scelto una di queste senza notare il link “mostra tutte”. Nel grafico, questa scelta corrisponde alla drastica e rapida riduzione del credito. Dopo aver notato che, malgrado un uso veramente minimo, il credito calava vertiginosamente, ho distrutto e ricreato la macchina virtuale usando un diverso piano tariffario, riducendo la RAM a 1.75GB e usando un processore mono core. Il grafico del consumo, a quel punto, ha ripreso un andamento più rassicurante. La cosa positiva da notare è che molte delle operazioni di creazione di servizi (siano essi database o macchine virtuali) è intuitiva e veloce.

Una sola accortezza è necessaria nell’uso delle macchine virtuali di Azure: non basta spegnerle per ridurre quasi a zero il consumo, vanno deallocate. In pratica, oltre a spegnere la macchina occorre spegnerla anche dalla piattaforma e poi deallocarla premendo nuovamente sul pulsante arresta della propria area di gestione. In alternativa è possibile configurarsi uno script PowerShell da lanciare dalla propria dashboard. Come stima grossolana, un’ora di utilizzo di una macchina virtuale di queste dimensioni costa circa 0.20 euro.

Dal punto di vista della qualità del servizio c’è poco da dire, Azure funziona alla grande e fornisce quasi out of the box moltissimi servizi. Per il progetto che sto portando avanti, ho configurato un database replica di quello ufficiale e una macchina per lo sviluppo e l’interrogazione della base dati in pochissimo tempo e con una spesa abbordabile. Inoltre non devo preoccuparmi di configurazioni del sistema, di hardware (e relativi guasti) e, soprattutto, di backup.

In conclusione, grazie alla sottoscrizione Dev Essentials, godrò per un anno di un ambiente di lavoro potente, raggiungibile da ovunque e sicuro. Al termine della sottoscrizione, molto probabilmente, deciderò di stanziare un fondo per l’uso della piattaforma, magari limando ancora un poco le risorse per contenere ulteriormente le spese anche se sono convinto che la comodità di un sistema come quello che ho configurato su Azure non abbia prezzo.

Nella nuvola

L’arrivo di mia figlia ha rivoluzionato in positivo, tra le tante cose, anche i tempi e gli spazi della mia ricerca. L’ora quotidiana dedicata al progetto, in genere dalle 6 alle 7 dei giorni feriali, è adesso dedicata alla preparazione dei biberon, al cambio dei pannolini o, se va bene, al recupero di qualche momento prezioso di sonno.

Ho deciso quindi di cambiare l’approccio e questo mi ha permesso di sperimentare strumenti interessanti distribuiti sul cloud. L’esigenza è stata quella di avere i dati sempre disponibili in modo da poter lavorare in qualunque momento e da qualunque postazione. E’ stata quindi l’occasione per sperimentare i servizi di Microsoft Azure che da tempo mi incuriosivano ma verso i quali nutrivo sempre una certa diffidenza. L’account DreamSpark ottenuto tramite la email dell’Università non mi consentiva di fare molto a causa delle sue limitazioni. Per fortuna, il programma Dev Essentials fornisce agli sviluppatori un credito mensile di 25 euro, sufficiente a creare un database abbastanza grande da ospitare i dati del progetto. Ho così creato una copia della base dati su Azure in modo da averla sempre disponibile. Per il momento, storage e uso non intensivo di un database di circa 500MB mi costano circa 0.35 euro al giorno, abbondantemente dentro i limiti del credito concessomi.

L’interrogazione della base dati avviene attraverso i medesimi strumenti usati per la versione locale (ovvero SQLServer Management Studio) ma adesso ho il vantaggio di poter lavorare in mobilità che significa durante la pausa pranzo o nei tempi morti di altre attività. Per questo ho istallato anche una app sullo smartphone (SQL Server Metro) anche se l’utilizzo è limitato a qualche interrogazione di controllo dati.

In realtà lo strumento che avrei voluto usare in mobilità sarebbe dovuto essere il netbook convertibile Asus VivoTab ma mi sono scontrato con le grosse limitazioni del sistema operativo Windows RT. L’unica app (a pagamento!) disponibile per questo sistema che possa interfacciarsi con SQL Server non funziona con l’ultima versione di Azure SQL Server e l’ho scoperto a mie spese. Con questa versione di SQL Server non è possibile neanche utilizzare il management online, funzionante fino alla precedente versione. Proverò il servizio Azure RemoteApp sperando di rimanere nei limiti del credito, ammesso che funzioni. E’ un vero peccato perché con queste giornate di caldo, su una panchina durante la pausa pranzo, avrei lavorato veramente bene!

Comunque sia, aver decentralizzato i dati copiandoli nel cloud mi sta dando una maggiore libertà di gestione in termini di luogo e tempo di lavoro oltre a fornirmi una copia sicura di backup (oltre a quella su dispositivo rimovibile). Come spesso accade, soprattutto a me, una apparente (e in questo caso piacevole) limitazione è motivo per apprendere cose nuove, sperimentare, tentare con tenacia di superare i limiti del mezzo tecnologico. Una sfida nella sfida che rende tutto molto più avvincente.

Edit (09/11/2016):
Azure RemoteApp non è più supportato, l’unica alternativa valida è stata creare una macchina virtuale su Azure con istallato SQL Server Management Studio ed accedere a quella in Desktop Remoto.

La forza dei legami deboli

Questa estate, sotto l’ombrellone, osservavo i miei nipoti giocare assieme, i figli di mia sorella con quelli di mia cognata, come se fossero cugini. Poi si sono aggiunti i nipoti dell’altra mia sorella (in attesa di un bambino), che vivono a Londra e passano al mare solo poche settimane. Osservandoli riflettevo sul ruolo degli zii che, pur non essendo parenti in senso genealogico, creano legami tra i vari rami della famiglia. Mi è venuto in mente il concetto della forza dei legami deboli espresso da Mark Granovetter nel 1973 in riferimento alle reti sociali. Gli zii sono un legame debole che tuttavia consente la connessione tra rami distanti di una stessa famiglia o tra famiglie diverse.
Poi a settembre è arrivata mia figlia che, come un anello mancante, ha riunito tutti i nipoti in una catena continua di cugini. Credo che il prossimo anno, sotto l’ombrellone, avrò ben altro da fare che studiare i legami deboli.

Leo van de Pas (1942 – 2016)

Mercoledi 17 Agosto 2016 è morto Leo van de Pas, ideatore e curatore del sito genealogics.org una delle più vaste e attendibili banche dati di genealogie disponibile in rete. Un lavoro titanico, come ho avuto modo di sottolineare più volte, messo a disposizione degli studiosi, condotto con rigore scientifico ed in costante aggiornamento. Con la morte di van de Pas il sito rimane attivo anche se in “modalità manutenzione” ovvero non sarà soggetto ad aggiornamenti ma solo alla correzione di eventuali errori.

Il progetto Hochadelsdorf deve moltissimo a questa base dati che costituisce la fonte principale (anche se non l’unica) dei dati che stiamo elaborando. Per questo motivo, ritengo giusto rendere onore a questo studioso e al lavoro che ha fatto. Grazie Leo!