A che punto siamo?

E’ passato molto tempo dall’ultima volta che ho scritto su questo blog ma non sono stato inoperoso. Certo il progetto procede un po’ a rilento ma durante l’estate sono state fatte molte correzioni alla base dati e, ad oggi, dovrei essere in grado di integrare i dati con quelli provenienti da un’altra base dati online, operazione che dovrebbe colmare alcune lacune nelle genealogie studiate. Proprio in questi giorni sto valutando l’impatto di questa operazione di integrazione.

Qualche mese fa, il professore mi ha chiesto di dare una mano ad un suo tesista in fisica statistica che sta lavorando sulla cladistica tra famiglie. L’idea era quella di integrare gli alberi genealogici dei capostipiti dell’alta nobiltà con rami sterili e su questi dati condurre varie analisi di tipo statistico. La base dati del progetto Hochadelsdorf poteva quindi costituire un ottimo punto di partenza ma necessitava di alcune elaborazioni. Ho fatto quindi quello che forse avrei dovuto fare fin dall’inizio: trasformare la base dati in una base dati relazionale. Attualmente infatti il database di Hochadelsdorf è una enorme tabella in cui molti dati sono ridondanti. Ho quindi estratto la tabella dei soggetti univoci assegnando ad essi un codice numerico ed ho sostituito, nella tabella delle occorrenze, i nomi con i codici. Poi a ciascun soggetto ho assegnato il codice del padre e quello della madre. In questo modo ho facilitato il lavoro del tesista fornendogli i dati in un formato sicuramente più maneggevole. Magari in un prossimo post entrerò nel dettaglio delle istruzioni SQL adoperate per la trasformazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *