Archivio mensile:marzo 2017

Il Dipartimento dall’alto

In occasione del Capodanno Pisano, il 25 marzo, è stato possibile visitare le mura della città, un camminamento lungo, attualmente, oltre 3 kilometri. Salendo dalla Torre Piezometrica presso la ex Marzotto mi sono trovato immediatamente sopra il Dipartimento di Fisica (e quello di Informatica al piano superiore) e non ho resistito a fotografarlo da questa inconsueta angolazione. Ecco la foto:

LaTeX, finalmente!

Ho finalmente colmato una lacuna: confesso che fino a pochi giorni fa non avevo mai usato LaTeX. Pur avendo presentato una tesina universitaria sull’ideatore di TeX, Donald Knuth, da cui LaTeX deriva, non mi ero mai cimentato nella redazione di documenti. Eppure si tratta di un linguaggio di markup e neanche dei più complicati.

Data la mia proverbiale incostanza, ho deciso di affrontare la cosa in modo strutturato, seguendo un corso su Udemy, una delle ormai numerose piattaforme MOOC. Certamente avrei potuto trovare tutorial simili (se non gli stessi) anche su Youtube ma ho preferito avere lo sprone delle lezioni in sequenza e il traguardo di un, sia pure inutile, attestato di completamento. Per di più, il corso in questione è anche a pagamento, cosa rara per le piattaforme MOOC (a parte Udemy, appunto). Per questi motivi ma anche per la durata breve del corso, sono arrivato al termine imparando almeno le basi di Latex.

La breve durata è stata sicuramente il fattore determinante del successo. In passato mi ero dedicato a corsi online sulla piattaforma Coursera, corsi gratuiti ma decisamente lunghi che prevedevano delle prove intermedie da superare e una sorta di esame finale. Tutte le volte, pur arrivando al termine con successo, completare il corso era stata una fatica.

Adesso, preso dall’entusiasmo per questa nuova piattaforma, ho già in programma un altro corso più specifico rispetto alla mia attività di ricerca con l’obiettivo di imparare a creare simulazioni con il metodo Monte Carlo usando il linguaggio di programmazione R.

Quanto a Latex, se non trovo un’occasione per redigere almeno un documento serio nel prossimo periodo, il rischio di dimenticare quanto appreso si preannuncia decisamente alto.

Nel catalogo di Hypotheses

Qualche giorno fa (i miei post sono sempre un po’ in ritardo) i gestori di Hypotheses, la piattaforma che ospita questo blog, mi hanno comunicato che “Genealogy Cruncher” è stato inserito nel catalogo dei Carnets de recherche di OpenEdition.

Certamente il mio blog non darà una spinta significativa in avanti alla ricerca né brilla per originalità di contributi ma questo evento rappresenta, almeno per me, il riconoscimento dello sforzo, condotto con onestà intellettuale, di tenere traccia di un anomalo percorso accademico aderendo alle intenzioni del progetto OpenEdition.

Adesso, quindi, “Genealogy Cruncher” dispone di una sua scheda all’indirizzo http://www.openedition.org/17450 e diviene ricercabile all’interno di OpenEdition.

Uno stimolo in più a produrre contenuti utili con maggior frequenza.