Nella nuvola

L’arrivo di mia figlia ha rivoluzionato in positivo, tra le tante cose, anche i tempi e gli spazi della mia ricerca. L’ora quotidiana dedicata al progetto, in genere dalle 6 alle 7 dei giorni feriali, è adesso dedicata alla preparazione dei biberon, al cambio dei pannolini o, se va bene, al recupero di qualche momento prezioso di sonno.

Ho deciso quindi di cambiare l’approccio e questo mi ha permesso di sperimentare strumenti interessanti distribuiti sul cloud. L’esigenza è stata quella di avere i dati sempre disponibili in modo da poter lavorare in qualunque momento e da qualunque postazione. E’ stata quindi l’occasione per sperimentare i servizi di Microsoft Azure che da tempo mi incuriosivano ma verso i quali nutrivo sempre una certa diffidenza. L’account DreamSpark ottenuto tramite la email dell’Università non mi consentiva di fare molto a causa delle sue limitazioni. Per fortuna, il programma Dev Essentials fornisce agli sviluppatori un credito mensile di 25 euro, sufficiente a creare un database abbastanza grande da ospitare i dati del progetto. Ho così creato una copia della base dati su Azure in modo da averla sempre disponibile. Per il momento, storage e uso non intensivo di un database di circa 500MB mi costano circa 0.35 euro al giorno, abbondantemente dentro i limiti del credito concessomi.

L’interrogazione della base dati avviene attraverso i medesimi strumenti usati per la versione locale (ovvero SQLServer Management Studio) ma adesso ho il vantaggio di poter lavorare in mobilità che significa durante la pausa pranzo o nei tempi morti di altre attività. Per questo ho istallato anche una app sullo smartphone (SQL Server Metro) anche se l’utilizzo è limitato a qualche interrogazione di controllo dati.

In realtà lo strumento che avrei voluto usare in mobilità sarebbe dovuto essere il netbook convertibile Asus VivoTab ma mi sono scontrato con le grosse limitazioni del sistema operativo Windows RT. L’unica app (a pagamento!) disponibile per questo sistema che possa interfacciarsi con SQL Server non funziona con l’ultima versione di Azure SQL Server e l’ho scoperto a mie spese. Con questa versione di SQL Server non è possibile neanche utilizzare il management online, funzionante fino alla precedente versione. Proverò il servizio Azure RemoteApp sperando di rimanere nei limiti del credito, ammesso che funzioni. E’ un vero peccato perché con queste giornate di caldo, su una panchina durante la pausa pranzo, avrei lavorato veramente bene!

Comunque sia, aver decentralizzato i dati copiandoli nel cloud mi sta dando una maggiore libertà di gestione in termini di luogo e tempo di lavoro oltre a fornirmi una copia sicura di backup (oltre a quella su dispositivo rimovibile). Come spesso accade, soprattutto a me, una apparente (e in questo caso piacevole) limitazione è motivo per apprendere cose nuove, sperimentare, tentare con tenacia di superare i limiti del mezzo tecnologico. Una sfida nella sfida che rende tutto molto più avvincente.

Edit (09/11/2016):
Azure RemoteApp non è più supportato, l’unica alternativa valida è stata creare una macchina virtuale su Azure con istallato SQL Server Management Studio ed accedere a quella in Desktop Remoto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *