La forza dei legami deboli

Questa estate, sotto l’ombrellone, osservavo i miei nipoti giocare assieme, i figli di mia sorella con quelli di mia cognata, come se fossero cugini. Poi si sono aggiunti i nipoti dell’altra mia sorella (in attesa di un bambino), che vivono a Londra e passano al mare solo poche settimane. Osservandoli riflettevo sul ruolo degli zii che, pur non essendo parenti in senso genealogico, creano legami tra i vari rami della famiglia. Mi è venuto in mente il concetto della forza dei legami deboli espresso da Mark Granovetter nel 1973 in riferimento alle reti sociali. Gli zii sono un legame debole che tuttavia consente la connessione tra rami distanti di una stessa famiglia o tra famiglie diverse.
Poi a settembre è arrivata mia figlia che, come un anello mancante, ha riunito tutti i nipoti in una catena continua di cugini. Credo che il prossimo anno, sotto l’ombrellone, avrò ben altro da fare che studiare i legami deboli.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *