Delusioni

Quando sembrava che il lavoro di disambiguazione della base dati fosse concluso, un nuovo processo di analisi basato questa volta non sulle coppie ma sugli “orfani” (soggetti con genitori sconosciuti) ha messo in luce una serie consistente di buchi nelle genealogie. In pratica alcuni soggetti, e non pochi, hanno i genitori noti nella maggior parte delle occorrenze nel database ma non in tutte. Queste occorrenze nelle quali il soggetto risulta figlio di ignoti (anche se i genitori sono conosciuti) crea dunque una serie di interruzioni negli alberi e soprattutto una mancata corrispondenza tra soggetti. La causa sembrerebbe essere l’integrazione di alcuni alberi con dati provenienti da altre fonti ma quello che conta, adesso, è trovare un algoritmo in grado di rimettere a posto i genitori.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *