Leggere su un ebook reader

Da quando ho iniziato a percorrere in autobus il tragitto casa lavoro ho ripreso a leggere. Narrativa intendo, qualcosa che non siano saggi, articoli, tutorial. Il mio vecchio Kindle, quello con la tastiera querty, è tornato a nuova vita e si presta ottimamente a portare in giro un certo numero di libri tra cui quello correntemente in lettura. Certo non sarà affascinante come la storica edizione Einaudi di “Marcovaldo” di Calvino che sfoggia con noncuranza il viaggiatore seduto di fronte a me ma è sicuramente molto pratico.

Non ho mai amato le diatribe tra carta ed e-ink anche perché reputo l’ebook reader uno dei pochi oggetti tecnologici utili: fa una cosa sola e la fa bene. Certo, la carta è la carta ed un libro non è solo contenuto ma anche oggetto (ah i tempi in cui sprofondavo in “Seuils” di Gérard Genette fattomi scoprire dal prof. Madrignani) e rigirarsi tra le mani una preziosa prima edizione o semplicemente un volume ben fatto è una esperienza quasi mistica ma per leggere un romanzo e perdersi nella narrazione non vedo perché non usare un ebook reader.

L’unica differenza in termini di fruizione che ho notato, ma è un fatto personale, è la maggior propensione, con l’ebook reader, ad abbandonare la lettura di un libro. Se con la carta mi era successo solo un paio di volte, con vittime illustri come “I tre moschettieri” di Dumas e “Moby Dick” di Melville (ma in questo caso l’interruzione fu causata dagli impegni legati alle nozze e al relativo viaggio), con il Kindle mi trovo ad iniziare ed abbandonare un libro con molta più facilità. Non credo sia solo una questione di costo del libro e neanche di desiderio di saggiare una storia prima di portarla in fondo. Non saprei individuare una causa. Fatto sta che, in questa fase di lettura in mobilità, più di un testo è stato abbandonato per strada, compreso l’immarcescibile “Walden” di Thoreau che ho trovato (colpa forse di una pessima traduzione) indigeribile.

E’ pur vero che Daniel Pennac colloca il diritto di non finire un libro tra i 10 diritti del lettore ma, per come sono stato formato ed abituato, un libro va sempre letto tutto, con annessi e connessi (copertina, prefazioni e tutto quanto è paratexte, per dirla con Genette) e abbandonare la lettura mi fa sempre un certo strano effetto.

Adesso sto leggendo un romanzo recente, non impegnativo, la cui trama riesce a prendermi abbastanza e che mi fa riscoprire, dopo anni, la lettura come svago: “Il genio e il golem” di Helene Wecker. Speriamo che l’autobus trovi traffico…


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *